Scopriremo insieme gli itinerari gastronomici più succulenti, sperimentando nuove ricette per stupire il palato!

Fiori di zucca ripieni e fritti


I fiori di zucca ripieni e fritti sono uno degli antipasti più classici della cucina italiana: ogni regione ha la sua variante, una più buona dell'altra!
fiori di zucca
foto tratta da scattidigusto.it

I fiori di zucca infatti sono molto diffusi nel nostro territorio e sono i protagonisti di diversi piatti davvero gustosi:  abbiamo già parlato delle frittelle di fiori di zucca, piatto tipico della mia città natale, Cosenza (qui la ricetta).
Come tutti i golosi, il fritto è una delle mie passioni proibite: non è dietetico e non è salutare, ma una volta ogni tanto uno strappo alla regola è d'obbligo!
La ricetta dei miei fiori di zucca ripieni e fritti è davvero buonissima e super semplice da realizzare; date un'occhiata al video per vedere nel dettaglio tutti i passaggi della preparazione!
Due sono gli elementi che rendono i miei fiori di zucca ripieni e fritti un po' insoliti: per prima cosa il ripieno che, mentre nella versione classica viene realizzato con la mozzarella, in questo caso si prepara con la ricotta; in questo modo si eviterà la fastidiosa formazione di acqua all'interno del fiore, così da avere una croccantezza perfetta e un ripieno morbido e cremoso.
ricotta
foto tratta dal sito formaggio.it

La seconda particolarità dei miei fiori di zucca ripieni e fritti è la pastella: tra tutte le varianti possibili ho scelto di realizzarla con la birra, così da evitare l'aggiunta di lievito senza rinunciare all'effetto "gonfiante".
Utilizzare la birra nella preparazione dei fiori di zucca ripieni e fritti vi permetterà inoltre di dare un sapore più deciso alla pastella: scegliete con cura il tipo di birra da utilizzare in base ai vostri gusti, facendo attenzione a non utilizzarne una troppo aromatica (correreste il rischio di coprire il sapore delicato del fiore di zucca).
birra
foto tratta dal sito theteller.it

Senza ulteriori indugi, andiamo a vedere come preparare i nostri fiori di zucca ripieni e fritti!

INGREDIENTI: 

  • 300g di farina 00
  • 1 birra da 0,33 cl
  • 1 uovo
  • 200g di ricotta (a scelta, io ho utilizzato ricotta di bufala)
  • 1 vasetto di alici sott'olio
  • sale q.b.
  • pepe nero q.b.

PREPARAZIONE: 

  1. Per prima cosa preparate la pastella per i vostri fiori di zucca ripieni e fritti: iniziate ponendo in una ciotola la farina a fontana, aggiungete l'uovo, un pizzico di sale e un pizzico di pepe e versate a poco a poco la birra, mescolando bene con una frusta fino ad ottenere una consistenza liscia e densa. 
  2. Una volta che la pastella è pronta ponetela in frigo a riposare per 30 minuti. Passate quindi alla pulizia dei fiori di zucca: sciacquateli rapidamente sotto l'acqua a testa in giù, quindi facendo molta attenzione a non romperli apriteli e eliminate il pistillo interno, lasciando il gambo intatto.
  3. Procedete così per tutti i fiori di zucca; una volta finito poneteli in un piatto e metteteli da parte. A questo punto potete preparare la vostra crema di ricotta: in una ciotola unite ricotta, sale e pepe e mescolate bene fino ad ottenere una crema. Ponete la crema in una sac a poche e riempite delicatamente i fiori di zucca, facendo attenzione a non farla fuoriuscire. 
  4. Dopo aver riempito i fiori di zucca con la crema di ricotta terminate l'operazione inserendo all'interno di ogni fiore un filetto di alice ben sgocciolato, continuando a fare attenzione per non rompere il fiore. 
  5. Prendete una padella dai bordi alti e riempitela di olio di semi d'arachidi: ponete sul fuoco e fate riscaldare bene. Quando l'olio sarà arrivato alla temperatura adatta per friggere prendete la pastella dal frigorifero e immergete delicatamente ogni fiore di zucca, ruotandoli per eliminare la pastella in eccesso e per chiudergli la punta. 
  6. Friggete ogni fiore di zucca per circa 3 minuti per lato; quando avranno raggiunto la giusta doratura scolateli su carta assorbente e poneteli su un piatto da portata. Servite i vostri fiori di zucca ripieni e fritti ancora caldi e croccanti, magari accompagnandoli a una bella birra fresca! Buon appetito e buon divertimento! 
    fiori di zucca ripieni e fritti

Supplì al telefono

I supplì al telefono sono una colonna portante dello street food romano: croccanti fuori e filanti dentro, perfetti per uno spuntino goloso o un aperitivo stuzzicante! 

Cosa c'è di più delizioso dei supplì al telefono? In ogni rosticceria romana si possono trovare queste fantastiche polpette di riso al pomodoro dal cuore filante, un must per ogni appassionato di street food! 
Nonostante i supplì al telefono si possano trovare nelle pizzerie e rosticcerie di tutto il territorio nazionale, prepararli in casa è semplice e veloce: un bel piatto di supplì al telefono renderà i vostri aperitivi e i vostri antipasti davvero irresistibili! 
Per preparare i supplì al telefono avrete bisogno di pochissimi ingredienti: passata di pomodoro, riso carnaroli, mozzarella fresca, e.. un pizzico di manualità! 
Il passaggio più importante della preparazione è forse la cottura del riso: per ottenere dei supplì al telefono perfetti infatti il riso dev'essere risottato nel sugo di pomodoro, bilanciando bene la quantità di sugo e facendo attenzione a mantenere la cottura molto al dente. 
Per la preparazione dei supplì al telefono io solitamente utilizzo il riso carnaroli di Sibari: pochi lo sanno ma in questa piccola cittadina calabrese si coltiva un riso di altissima qualità, perfetto per esaltare le vostre pietanze.
riso di sibari
Senza ulteriori indugi, andiamo a vedere nel dettaglio come preparare dei fantastici e golosi supplì al telefono! 

Ingredienti: (per circa 10 supplì al telefono)

  • 250g di riso carnaroli 
  • 200g di passata di pomodoro
  • 1 mozzarella 
  • 1 rametto di basilico
  • olio extravergine d'oliva
  • sale q.b.
  • 2 uova 
  • 1 confezione di pan grattato 
  • 1 noce di burro
  • formaggio grattugiato 
  • olio di semi d'arachide per friggere

Preparazione: 

  1. Per preparare i supplì al telefono la prima cosa da fare è cuocere il risotto al pomodoro: inziate utilizzando due tegami separati. Nel primo mettete a scaldare un filo d'olio, quindi aggiungete la passata di pomodoro, conditela con basilico e sale e lasciate cuocere a fuoco basso. 
  2. Fate scaldare il secondo tegame e fate tostare il riso, dopo qualche minuto aggiungete qualche mestolo di acqua bollente, mescolate, salate e fate cuocere (anche questo a fuoco basso).
  3. Quando il riso sarà giunto a metà cottura aggiungetelo alla passata di pomodoro, mescolate ancora e aggiungete acqua (se necessario). Continuate quindi a far cuocere il riso come un classico risotto al pomodoro, mescolando di frequente e aggiungendo acqua bollente a filo se necessario. 
  4. Quando il risotto risulterà al dente e ben amalgamato al sugo toglietelo dal fuoco, aggiungete una noce di burro e qualche cucchiaio di formaggio grattugiato, quindi ponete in una ciotola e fate raffreddare. 
  5. Non appena il risotto risulterà ben fresco inziate la preparazione vera e propria dei supplì al telefono: per prima cosa tagliate la mozzarella a cubettini, quindi rompete le uova, sbattetele e ponetele in una ciotolina. In un'altra ciotola ponete invece il pangrattato e iniziate a mettere l'olio a riscaldare: il mio consiglio è quello di friggere i supplì al telefono in un pentolino, riempendolo per 3/4, in questo modo vi assicurerete una cottura perfetta senza spreco di olio. 
  6. Procedete quindi con la preparazione vera e propria dei supplì al telefono: prendete in mano circa un cucchiaio e mezzo di riso e lavoratelo fino ad ottenere una polpetta allungata, inserite quindi al centro la mozzarella e lavorate nuovamente per compattare il tutto. 
  7. Dopo aver formato il supplì procedete alla panatura: per ottenere la giusta croccantezza io consiglio sempre di fare la doppia panatura, ovvero ripassare il supplì prima nell'uovo, poi nel pangrattato, poi nuovamente nell'uovo e quindi nuovamente nel pangrattato. 
  8. Procedete in questo modo fino ad esaurire il riso, quindi passate alla frittura: ogni supplì dovrà cuocere circa 5/7 minuti, aiutatevi con una schiumarola per girarlo e controllare che la doratura sia uniforme. 
  9. Scolate i supplì al telefono su carta assorbente; una volta terminata la frittura trasferite tutti i supplì su un piatto da portata e servite, ancora caldi. Buon appetito e buon divertimento! 
    supplì al telefono

Involtini di alici in crosta di pistacchi

Gli involtini di alici in crosta di pistacchi sono uno sfizioso finger food con cui sorprenderete i vostri ospiti più esigenti!

Gli involtini di alici sono un piatto classico nella cucina italiana, realizzabile in diverse varianti e con diversi ingredienti. La ricetta che vi propongo, involtini di alici in crosta di pistacchi, è una rivisitazione dei classici involtini di pesce azzurro: la panatura con pistacchi di bronte ed il ripieno di formaggio morbido di capra si sposano perfettamente con il gusto unico delle alici, regalandovi un antipasto davvero delizioso e particolare!
Il costo degli involtini di alici in crosta di pistacchi è davvero modesto, così come la difficoltà di preparazione è molto bassa: per rendere i vostri involtini di alici in crosta di pistacchi ancora più semplici da realizzare non dimenticate di chiedere al vostro pescivendolo di fiducia di pulire le alici per voi!
Per il ripieno degli involtini di alici in crosta di pistacchi io ho utilizzato la robiola di capra: un formaggio fresco, cremoso e leggermente pungente che si sposa alla perfezione con alici e pistacchio. Nei vostri involtini di alici in crosta di pistacchi potrete sostituire la robiola di capra con un altro tipo di formaggio fresco che abbia la stessa consistenza: sbizzarrite la vostra fantasia e sperimentate nuovi abbinamenti!
Potete presentare gli involtini di alici in crosta di pistacchi come un antipasto o come secondo piatto: scegliete in base alle vostre esigenze!

involtini di alci in crosta di pistacchiIngredienti:

  • 500g di alici fresche già pulite
  • 100g di robiola di capra
  • 100g di pistacchi di bronte
  • Olio extravergine d’oliva
  • Sale q.b.

Preparazione:

  1. La prima cosa da fare per preparare i vostri involtini di alici in crosta di pistacchi è sciacquare bene le alici e separare le due metà, in modo da avere dei filetti. Quindi sgusciate i pistacchi e tritateli grossolanamente con l’aiuto di un frullatore, in modo da ottenere una granella.
  2. A questo punto potete già iniziare a comporre i vostri involtini di alici in crosta di pistacchi: preparate due ciotole, una per la granella di pistacchi e una per l’olio E.V.O. Passate ogni filetto nell’olio, quindi ripassatelo nella granella facendo attenzione a farla aderire soltanto nella parte esterna del filetto.
  3. Prendete un po’ di robiola (un cubetto di circa 1 cm) e posatela all’interno del filetto, quindi arrotolate l’alice su se stessa e chiudete con uno stuzzicadenti. Riponete ogni involtino su una teglia foderata da carta forno e, una volta terminate le alici, infornate a 180° in forno ventilato per circa 15 minuti.
  4. Sfornate e riponete su un piatto da portata, fate raffreddare per qualche minuto quindi servite. I vostri involtini di alici in crosta di pistacchi sono pronti, buon appetito e buon divertimento!
    involtini di alici




Polpette di pesce spada agli agrumi

Le polpette di pesce spada agli agrumi sono un antipasto perfetto, versatile e veramente gustoso!

Le polpettine di pesce agli agrumi sono un piatto profumatissimo, ideali come antipasto da utilizzare nelle vostre cene speciali o come spuntino nelle calde giornate estive.
La sfiziosa ricetta delle polpette di pesce spada agli agrumi nasce dall'idea di abbinare alla frittura un sapore più fresco capace di donare leggerezza e acidità. Il sapore deciso del pesce spada, infatti, si lega benissimo con l'asprezza degli agrumi.
Le polpette di pesce spada agli agrumi possono essere riprodotte in qualsiasi regione d'Italia poichè il pesce utilizzato si trova facilmente in tutto il territorio. Per preparare le polpette di pesce spada agli agrumi, in mancanza del pesce spada, potrete utilizzare il pesce persico o qualche altra specie che si adatti ai vostri gusti. Per godersi al meglio le polpette di pesce spada agli agrumi il mio consiglio è di accompagnarle con un vino bianco fruttato come ad esempio uno Chardonnay Garganega.
Senza ulteriori indugi andiamo a vedere come preparare le polpettine di pesce spada agli agrumi!

Ingredienti


  • Pesce spada 300gr
  • pane raffermo 150gr
  • latte q.b.
  • 1 limone
  • 1 mandarino
  • 1 arancio
  • 2 uova
  • pan grattato qb
  • sale qb
  • olio evo
  • olio di semi di arachide qb

Preparazione

  1. Come prima cosa preparate in una padella un fondo d'olio evo con il succo di mezzo limone e mezzo arancio, una volta che saranno bollenti aggiungete il pesce spada e fate cuocere a fuoco lento e con un coperchio per 5 minuti per lato.
  2. Intanto mettete il pane raffermo già tagliato ad ammordire nel latte. Una volta cotto il pesce aspettate che si raffreddi, e iniziate a strizzare il pane e spezzettatelo in una ciotola.
  3. Fate lo stesso con il pesce spada: aggiustate di sale e grattugiate la scorza di tutti e tre gli agrumi.
  4. Amalgamate bene e aggiungete un uovo per compattare, dopo di che lasciate riposare l' impasto per una decina di minuti.
  5. Iniziate a formare le polpettine di pesce spada: cercate di modellare palline di piccole dimensioni e lasciatele rassodare nel frigo per 15 min.
  6. Una volta che le polpette saranno rassodate, sbattete un uovo in una ciotolina e in un altra ponete 5/6 cucchiai di pan grattato. Passate quindi ogni polpettina prima nell'uovo e poi nel pan grattato.
  7. Mettete a riscaldare abbondante olio di arachidi in una pentola dai bordi alti, quando sarà bollente iniziate a friggere le polpette di pesce spada agli agrumi.
  8. Quando saranno dorate toglietele dall'olio e riponetele su carta assorbente per eliminare l'olio in eccesso.
  9. impiattate su un piatto di portata e gustatele calde.. buon appetito e buon divertimento! 
    polpette di pesce spada agli agrumi


Calamarata su crema di broccoli

La calamarata con crema di broccoli è un primo piatto insolito e gustoso da assaporare nei vostri menù di pesce!

La calamarata è uno dei primi piatti di pesce più diffusi nel sud Italia; in questa ricetta vi propongo una versione leggermente insolita, arricchita da una crema di broccolo nero e patate, un modo particolare per gustare un piatto classico!
Preparare la calamarata su crema di broccoli è davvero semplice: se preferite potete sostituire la classica pasta ad anello che si usa per la calamarata con dei paccheri freschi, oppure sbizzarrire la vostra fantasia e scegliere l’abbinamento che più vi stuzzica!
Per preparare la calamarata su crema di broccoli potete scegliere di usare i calamari freschi o quelli surgelati: il mio consiglio è quello di preferire sempre i calamari freschi in modo da assicurarvi che la vostra calamarata su crema di broccoli sia davvero perfetta! 
Dato il costo abbastanza contenuto degli ingredienti, questo piatto può essere preparato per qualsiasi occasione: cena tra amici o in famiglia, pranzo veloce, festività, ogni momento è adatto alla calamarata!

Ingredienti:

  • 500g di calamari freschi
  • 500g di pasta tipo calamarata
  • 1 broccolo nero
  • 1 patata piccola
  • 1 spicchio d’aglio
  • Olio extravergine d’oliva
  • Sale q.b.

Preparazione:

  1. Per prima cosa mettete a bollire il broccolo e la patata tagliati a pezzetti: dovrebbero essere pronti dopo circa 20 minuti. Scolateli e fateli raffreddare in una ciotola.
  2. Nel frattempo preparate i calamari: lavateli con acqua fredda quindi eliminate delicatamente le viscere e la spina interna. Poneteli su un tagliere e tagliateli ad anelli dello spessore di circa 1 cm.
  3. A questo punto in una padella antiaderente preparate un fondo di cottura con olio evo e lo spicchio d’aglio, ancora incamiciato. Non appena l’olio soffrigge aggiungete i calamari, coprite con un coperchio e fate cuocere per circa 20 minuti, rigirando frequentemente.
  4. Mentre i calamari cuociono mettete a bollire l’acqua della pasta, e non appena arriva a temperatura calate gli anelloni.
  5. Mettete il broccolo e le patate in un frullatore, aggiungete un filo d’olio, un cucchiaio di acqua di cottura della pasta e tritate bene fino ad ottenere una crema liscia e omogenea.
  6. Riscaldatela in un pentolino a fiamma bassa; scolate la pasta al dente, ripassatela nella padella con i calamari, quindi procedete con l’impiattamento ponendo la vellutata di broccoli sul fondo del piatto e la pasta con i calamari in superficie. Servite ancora caldo con una spolverata di pepe nero macinato; buon appetito e buon divertimento!
    calamarata su crema di broccoli