La cucina di Sandrina

Scopriremo insieme gli itinerari gastronomici più succulenti, sperimentando nuove ricette per stupire il palato!

carne alla genovese

By sabato, novembre 07, 2015

La carne alla genovese è una ricetta davvero inimitabile, un classico della gastronomia napoletana dalle origini antichissime, ad oggi famoso in tutto il mondo.
Piatto ricco di gusto e povero di ingredienti, è chiamato anche il pesto napoletano, poichè dopo la lunghissima cottura la consistenza della carne ricorderà effettivamente quella di una crema, in quanto sarà completamente sfilacciata e amalgamata con gli altri ingredienti. Una vera goduria!!!

Preparare la carne alla genovese 

è davvero semplice, tuttavia è necessario fare i conti con dei tempi di cottura molto lunghi: proprio per questo il piatto è particolarmente adatto ai giorni festivi! 
La carne alla genovese inoltre, non è solo un secondo piatto: essendo una preparazione molto "sugosa" è perfetta per condire la pasta! tradizionalmente si usano rigatoni o mezzi ziti, ma potete sbizzarrire la vostra fantasia, magari preparando dell'ottima pasta all'uovo handmade! 
Sul web si trovano tantissime varianti della carne alla genovese: la ricetta che ho scelto di condividere viene dalla cucina di una nostra affezionata lettrice, Nella, madre di un mio carissimo amico. La prima volta che ho assaggiato la sua genovese non potevo più smettere di mangiarla, era davvero sublime! 
Vediamo insieme come preparare questo piatto fantastico in tutti i suoi passaggi fondamentali.

INGREDIENTI: dose x 4 persone

  • 800g di carne di vitello, taglio per spezzatino
  • 3 cipolle rosse di medie dimensioni
  • 1 mazzo di origano secco
  • olio extravergine d'oliva
  • sale q.b.
  • 1 teglia rotonda che è possibile mettere sul fuoco
  • 3l di acqua

PREPARAZIONE:

  1. Come potrete notare dalla lista degli ingredienti, questo è un piatto abbastanza povero: quello che vi servirà è solo tanta pazienza! Come prima cosa iniziate preparando la carne: mettetela in una ciotola ricopritela di olio e.v.o. e origano e un pizzico di sale, massaggiate e fate riposare.
  2. Nel frattempo tagliate le cipolle: prima a metà e poi a fette dello spessore di circa 3mm. A questo punto prendete la teglia: il diametro deve essere tra i 20 e i 30 cm, in base a quello che avete a disposizione, è importante che sia una teglia e non una padella perchè la teglia dispone di bordi più alti e può contenere una maggiore quantità di acqua.
  3. cospargete il fondo della teglia con un filo di olio evo, quindi procedete aggiungendo la carne, la cipolla, qualche rametto di origano e l'acqua: 3l sono la quantità giusta per la teglia che uso io, il modo per regolarsi è quello di far si che l'acqua riempia la teglia quasi fino al bordo. 
  4. A questo punto mescolate tutto, aggiungete un cucchiaino di sale e mettete a cuocere a fuoco basso, coprendo con un coperchio che faccia fuoriuscire il vapore.
  5. Il grosso della preparazione è fatto: ora dovrete soltanto lasciare cuocere per almeno 5h, controllando abbastanza frequentemente e aggiustando di sale se necessario. Vi accorgerete che il piatto è pronto quando tutti i liquidi saranno evaporati, la carne sarà sfilacciata e amalgamata alle cipolle e il tutto avrà un colore scuro e una consistenza densa e cremosa. 
  6. A questo punto potrete togliere dal fuoco e servire: il mio consiglio e quello di lasciare riposare circa 15 minuti a fuoco spento e con il coperchio in modo che i sapori si distribuiscano al meglio. Potrete accompagnare questo piatto con dei crostini di pane o con un contorno classico, io nella foto ho scelto di servirlo insieme a dell'ottima polenta gratinata. Che dire, buon appetito! 
    spezzatino genovese

Ti potrebbe interessare anche:

0 commenti