ragù alla bolognese

ragù alla bolognese
Yields: 4 Servings Difficulty: Medium Prep Time: 10 Mins Cook Time: 3 Hr Total Time: 3 Hr 10 Mins

Ragù alla bolognese: la ricetta classica per un ragù gustoso e bilanciato

Bastano poche parole per descrivere il ragù alla bolognese: il confort food più buono che ci sia! 
Questa salsa famosa e imitata in tutto il mondo a base di carne macinata di prima scelta è forse la ricetta italiana più amata e replicata, spesso con scarso successo. 
Nonostante possa sembrare semplicissimo, il ragù alla bolognese in realtà ha bisogno di pazienza, amore e tante cure per riuscire alla perfezione. In questo post vi svelerò i piccoli segreti che vi permetteranno di ottenere un ragù perfetto.
Per gustare la stessa salsa mangiata nei grandi pranzi domenicali a casa della nonna ci sono diversi accorgimenti da seguire: scopriamo quali sono.

I segreti per un ragù perfetto come quello della nonna

  • La carne: la carne con cui preparate il ragù dev’essere di prima scelta. Nei supermercati è facile trovare carne trita di buona qualità, etichettata solitamente proprio come “prima scelta”. In alternativa potete chiedere al vostro macellaio di fiducia carne tritata di prima scelta non troppo fine. Per quanto riguarda l’animale, potete usare solo manzo o mischiare manzo e maiale.
  • Il soffritto: il ragù alla bolognese ha bisogno di un bel soffritto ricco, con cipolla carota sedano e aglio. Anche se alcuni usano il burro, io preferisco sempre usare l’olio extravergine d’oliva. Potete scegliere tra i due quello che preferite, il risultato non cambierà. Se state preparando un ragù con solo manzo, aggiungete al soffritto un po’ di pancetta per “ingrassare” un po’ la carne.
  • La cottura: il ragù deve avere una cottura molto lunga a bassa temperatura. Il mio consiglio è quello di prepararlo il giorno prima rispetto a quando dovete usarlo, farlo cuocere per almeno 6/8 ore e poi lasciarlo riposare una notte per esaltare ancora di più i sapori della carne
  • Il pomodoro: potete scegliere se usare solo il concentrato di pomodoro o se aggiungere anche la passata. Il mio consiglio è quello di usare entrambi. la passata di pomodoro infatti manterrà il ragù ben bagnato durante la cottura, e non sarà necessario aggiungere altri liquidi. Se volete usare solo il concentrato, dovrete bagnare di tanto in tanto il ragù con del brodo di carne, per evitare che si secchi troppo.
  • Il latte: questo piccolo trucco della nonna assicurerà un ragù meno acido e più cremoso. Aggiungete un cucchiaio di latte alla salsa quasi a fine cottura.
  • Il basilico: nella ricetta tradizionale il basilico non è previsto, ma io consiglio sempre di aggiungerlo per rendere il sugo leggermente più aromatico.
  • Il sale: Nei sughi di carne è fondamentale salare poco all’inizio. Più la carne cuoce, più il sugo si insaporisce naturalmente: meglio aggiungere un po’ di sale a cottura quasi ultimata che ritrovarsi con un ragù troppo salato.

Come accompagnare il ragù

Potete accompagnare il ragù bolognese con qualsiasi formato di pasta, tuttavia il mio consiglio è sempre quello di preparare la pasta fresca all’uovo in casa: in questo modo vi assicurerete un risultato davvero perfetto.
Questo condimento è inoltre l’ingrediente principale della classica lasagna alla bolognese e di tante altre ricette super gustose: una volta preparato un buon sugo vi sembrerà una passeggiata realizzarle.
Se non volete usare la pasta, potete accompagnare il ragù con la polenta o utilizzarlo per realizzare un sartù di riso.

Come conservare il ragù alla bolognese

Il ragù può essere conservato in diversi modi. il modo più semplice è porzionarlo in contenitori tipo tapperwere e congelarlo.
Per scongelarlo basterà metterlo in un pentolino con un goccio d’acqua ed un coperchio, ed in circa 10 minuti il ragù sarà come appena fatto.
In alternativa potete preparare delle conserve casalinghe, utilizzando dei barattoli di vetro. In quel caso ricordate di bollire i barattoli prima per sterilizzarli, e dopo per sigillarli.

Ingredients

0/12 Ingredients
Adjust Servings

Instructions

0/6 Instructions
  • Per prima cosa iniziate preparando il soffritto: tritate finemente carota, sedano e cipolla, bagnate il fondo di una pentola con olio e.v.o e aggiungete il trito di verdure. Fate rosolare qualche minuto, quindi aggiungete la carne macinata. 
  • Fate rosolare anche questa per qualche minuto, mescolando molto frequentemente, quindi aggiungete il vino e fate sfumare. Aggiungete anche le foglie d'alloro e aspettate che il vino evapori. 
  • A questo punto aggiungete la salsa di pomodoro e il concentrato: mescolate bene, salate leggermente, aggiungete il basilico e lasciate cuocere a fuoco basso, mescolando molto frequentemente. Il segreto del ragù alla bolognese è proprio in questa fase: il sugo dev'essere cotto per molto tempo a bassa temperatura, in modo che la carne possa sprigionare tutti i suoi sapori. 
  • Durante la cottura tenete sotto controllo il sugo: se vi sembra che si sia seccato troppo aggiungete brodo di carne (o acqua calda).
  • Vi accorgerete che il ragù è pronto quando il sugo si sarà scurito e amalgamato alla perfezione. Attenzione! La salsa di pomodoro praticamente non si deve più vedere: il ragù alla bolognese infatti non dev'essere sugoso e liquido, ma denso e carnoso. Impossibile dare un tempo di cottura preciso: questo infatti varia in base alla carne utilizzata, alla densità della passata di pomodoro, alla cucina, alla temperatura dell'ambiente. Quel che è certo è che devono passare almeno tre ore e che più si allungano i tempi di cottura più il ragù sarà buono! 
  • Mentre il sugo cuoce preparate la pasta: qui trovate la ricetta per l'impasto base, da personalizzare con il formato che preferite.  Io solitamente preparo delle pappardelle molto larghe, davvero perfette per questo piatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *